Cinque motivi per NON scegliere me come fotografo | Giovanni Paolone | Abruzzo Wedding Photographer
Giovanni Paolone Fotografo Matrimonio Teramo Abruzzo
Giovanni Paolone - Fotografo a Teramo Abruzzo, Fotografo Matrimoni Teramo e Abruzzo, Fotografo Matrimoni Abruzzo in provincia di Teramo, Giovanni Paolone.
52961
post-template-default,single,single-post,postid-52961,single-format-standard,edgt-core-1.2,ajax_fade,page_not_loaded,,vigor-ver-2.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,big_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.7,vc_responsive
Motivi per NON scegliere me come fotografo

Cinque motivi per NON scegliere me come fotografo

Alcune riflessioni sulla scelta del fotografo per il vostro matrimonio

 

Perché NON dovreste scegliere me

Eccoci qui, futuri sposi. Ho deciso di scrivere questo articolo sui motivi per NON scegliere me come fotografo, partendo da una riflessione fondamentale. Sono consapevole che la scelta di ogni fornitore non è affatto una cosa da prendere alla leggera e che, anzi, a volte rischia di mettervi in seria difficoltà. Per questo motivo, cercherò di aiutarvi per quello che è il mio campo, ossia la fotografia di matrimonio. Ma piuttosto che tentare di convincervi ad acquistare i miei servizi, cercherò di elencarvi dei motivi per cui NON dovreste farlo. Credo fortemente, infatti, che per ottenere il miglior risultato possibile, bisogna instaurare un sincero rapporto di empatia tra cliente e fornitore. La fotografia di matrimonio è un qualcosa di tangibile, di materico, che resta cioè nel tempo a restituirvi un ricordo che ha un valore intrinseco decisamente superiore a qualsiasi altra cosa. Tutto ciò che acquisterete per il vostro giorno più importante passerà: le uniche cose che resteranno saranno le fedi nuziali, gli abiti e l’Album di matrimonio, appunto. Quindi, è naturale che debba entrare in gioco, necessariamente, una forte e sincera empatia fra le parti. Non state acquistando delle semplici fotografie, o meglio, non solo. Ciò che state acquistando è la capacità del fotografo di restituirvi il ricordo di quel giorno esattamente come ve lo immaginate. Ciò che state acquistando è la consapevolezza che quei momenti così importanti non andranno persi, ma che resteranno impressi per sempre nella vostra memoria proprio grazie alle fotografie che vi verranno restituite. Il vostro è un investimento a lungo termine sui vostri ricordi. 

Uscita degli sposi dalla chiesa

Se siete arrivati fini qui, è perché, evidentemente, non avete ancora deciso chi sarà il fotografo del vostro matrimonio. Ma veniamo a noi. Ecco i motivi per cui NON dovrei essere io.

 

Cinque motivi per NON scegliere me come fotografo

 

1. Se vi piacciono i fotografi “ingombranti”, quelli cioè che si comportano da prime donne, rumorose ed invadenti, come se fossero loro la vera attrazione della festa. Quelli del “selfie con gli sposi” ad ogni buona occasione, per intenderci. Sono quelli che, poi, vi prenderanno letteralmente in ostaggio, che scatteranno migliaia di fotografie e vi diranno in ogni momento cosa fare, come farlo e quando farlo. Ricordate sempre che il fotografo (ma il discorso potrebbe valere per qualsiasi fornitore) è lì per risolvere un problema, non per causarvene altri. Ed in un matrimonio, fidatevi, ci saranno sempre dei problemi. Tutti risolvibili, sia chiaro. Ma immaginate di trascorrere un’intera giornata insieme ad un fastidioso personaggio con la macchina fotografica, che dirige ogni vostro movimento, intervenendo costantemente nella scena e, anzi, costruendola appositamente perché determinate cose accadano. Beh, devo dirvi quale sarà il vostro unico pensiero, quando, a fine giornata, avrete in mano il coltello per tagliare la torta? Io credo di no. A parte gli scherzi, ricordate sempre che quella dovrà essere la VOSTRA festa, non il momento in cui l’ego smisurato del fotografo prevale sul resto. La mia caratteristica principale è, appunto, la discrezione: ho imparato negli anni che la spontaneità è un qualcosa che va catturato restando nell’ombra, partecipando attivamente alla scena senza però essere visto, privilegiando la qualità alla quantità. Non sono un semplice “Button Pusher”, quanto piuttosto un cantastorie con la macchina fotografica, una sorta di artigiano dell’immagine che ha come unico obiettivo quello di raccontare la vostra splendida storia d’amore, senza pose costruite ad arte. Qui trovate un piccolo esempio di ciò che è per me la fotografia di matrimonio.

Gli sposi nella magica luce del tramonto

2. Che valore date ai vostri ricordi? Se per voi hanno poco valore, io non potrei mai essere il vostro fotografo. Mi dispiace, ma è forse il più importante fra i motivi per NON scegliere me. E vi spiego perché. Viviamo immersi nell’epoca dell’immagine, nell’epoca in cui la condivisione familiare è stata sostituita dalla condivisione mediatica, per cui una cosa è realmente accaduta solo se posso condividerla sui social media. In quest’epoca siamo tutti fotografi e ci sarà sempre un cugino con la macchina fotografica oppure un amico che nutre il sogno di diventare un fotografo, pensando che la fotografia di matrimonio sia solo un trampolino di lancio e non il punto di approdo di un mestiere pieno di responsabilità. E qui scatta la ricerca al miglior offerente, in un’affannosa corsa al preventivo più basso. Questo perché il valore percepito del ricordo ha subito un preoccupante cambio di rotta, per cui si finisce col fare “economia” sul servizio fotografico piuttosto che su cose effimere e di poco conto (e quante di queste cose effimere e di poco conto ci sono in un matrimonio?). Per concludere: affidereste mai di far costruire la vostra casa ad un conoscente appassionato di Lego? 

Gli sposi nella magica luce del tramonto

3. Se amate le fotografie di matrimonio stile “anni 80”, in cui si era tutti immobili ed in posa, con luci artificiali a gestire la scena in ogni dove e quel senso di artefatta naturalezza che, a distanza di anni, vi farà sembrare come i protagonisti di una telenovela brasiliana. Il mio, invece, è un approccio dinamico, spontaneo, discreto e non invadente. Non vi dirò mai cosa fare, ma sarò lì pronto a cogliere ogni sfumatura, ogni emozione. 

Il ballo degli sposi

4. Un altro dei motivi per NON scegliere me è se state cercando un fotografo che consegni i soli file digitali. La mia opinione è che il file digitale ha senso solo in funzione della stampa. Come ho già scritto qui, per me la fotografia è un ricordo tangibile, un istante dentro un altro istante, più duraturo ed eterno. E’ l’unico modo che abbiamo, infatti, di fermare il tempo, governando la nostra memoria, i nostri momenti più intensi.  Sono d’accordo con chi sostiene che una foto non stampata sia una foto persa. Non c’è scampo, è proprio così. Per questo motivo, la mia offerta prevede SEMPRE la realizzazione di un Album. Tutti gli Album che propongo, tra le altre cose, sono prodotti personalmente da me nel mio laboratorio. E questo aspetto ci porta direttamente al punto successivo.

Gli sposi divertiti all'uscita della Chiesa

5. Non potrei mai essere il vostro fotografo se vi accontentate di prodotti dozzinali, come quegli album dalle copertine kitsch in finta pelle e arabeschi di dubbio gusto sparsi un pò a casaccio. Oppure come quegli album stile “edicola”, con stampe di cattiva qualità ed un gusto estetico secondo solo a quello delle riviste di gossip.  Per questo motivo, tutti i prodotti che offro sono studiati appositamente per una clientela esigente e raffinata. Una clientela che ama toccare con mano prodotti di qualità, fatti interamente a mano, senza nessun processo automatizzato. Avrete qualcosa di veramente unico con cui rivivere la magia di quel giorno.

Gli sposi sulla scalinata della Cattedrale di Trani

Eccoci arrivati alla fine del nostro articolo. Vi ho elencato i 5 motivi per NON scegliere me come fotografo. E’ una mia debolezza, lo so, la sincerità. Ma ci tenevo ad approfondire in maniera schietta questi aspetti. Per questo motivo, se siete alla ricerca di un fotografo per il vostro matrimonio e non vi riconoscete in nessuno di questi cinque punti, sarò felice di conoscere i vostri piani.